emozioni....e musica

17.09.2018

La musica è stata forse la compagna della mia vita. Questo fin dalla più tenera età. A casa non avevamo molto, ma mio padre ha sempre fatto in modo che ci fosse un giradischi (i giovani forse non sanno neanche cosa sia), dove sfrigolavano vecchi vinili di classica e jazz di cui lui era appassionato. Sono cresciuto e sono vissuto con la musica. Ho provato da ragazzo anche a strimpellare un pò la chitarra imitando le movenze dei miei guitar hero...non avevo il benchè minimo talento, ma questo non mi ha mai fatto perdere l'amore per questa arte. Vengo dal rock, il primo vinile che mi comprai a 12 anni con i miei sudati risparmi era Back in Black degli AC/DC (roba forte). Passai poi al punk e altro...in realtà ascolto tutta la musica, dai canti gregoriani al pop perchè penso che ogni musica accompagni un tipo di emozione e abbia un suo perchè. Parafrasando in modo irriverente l'ecclesiaste direi che "c'è un tempo per il punk e uno per il melodico".

Riesco a collegare ogni emozione, evento, ricordo e sensazione a una musica. Vibra l'aria ai suoni della musica sulla stessa lunghezza d'onda delle vibrazioni dell'anima.

Comincio con la sensazione di solitudine. Un qualcosa che mi ha sempre spaventato molto e che in tempi recenti ho sperimentato in maniera pesante. C'è una canzone che ricollego a certe sensazioni che si facevano fortissime nelle giornate di festa e nelle domeniche....il famoso "blue sunday". E' una canzone del gruppo System of a Down e appunto si intitola "Lonely Day"

https://www.youtube.com/watch?v=DnGdoEa1tPg